LA SAGGEZZA DEI VECCHI

Freccia verde saggezzaFreccia bianca saggezzaLa Saggezza dei Vecchi min

Per en ciòot se pèert en fèr, per en fèr se pèert en cavàl, per en cavàl se và de màal
Per colpa di un chiodo si perde un ferro, per colpa di un ferro si perde un cavallo, per un cavallo si va in rovina

Pecàat véc, penitèensa nóoa
Peccato vecchio, penitenza nuova

Palàs e paiàs i gh'ìia mìia el stès nömer de cà
Palazzi e pagliacci non hanno lo stesso indirizzo

Paées che te vèet, üzàansa che te càtet
Paese che vai, usanza che trovi

Stràada bèla lìè màai lóonga
La strada bella non è mai lunga

Tàanti capéi, tàanti servéi
Tanti cappelli, tanti cervelli

À i òm se ghe vèt el capél, ma mìia el servél
Agli uomini si vede il cappello ma non il cervello

Se póol mìia savìi 'sa bói in dèla pügnàta dèi àalter
Non si può sapere quello che bolle nella pentola degli altri

Sbaliàat el prìm scaléen se rigùla in fóont à la scàala
Sbagliando il primo gradino, si rotola fino in fondo alla scala

In Paradìis se ghe và mìia in caròosa
In Paradiso non ci si arriva in carrozza

Töte le péeze le gh'àa el so pezòon
Tutte le bilance hanno il loro contrappeso

Mèi 'n aiöt che cèent paréer
Meglio un aiuto che cento consigli

Vàal püsèe en véc in de 'n cantòon che dées gióoin in de 'n campòon
Vale di più un anziano in un angolo che dieci giovani in un grande campo

Àanca el véen biàanch el fa vègner el nàs rùs
Anche il vino bianco fa venire il naso rosso

Nièent pòorta nièent
Col nulla non si cambia niente

In dùa se vurarès mìia andàa, sücéet che bizögna cùrer
Dove non si vorrebbe andare, a volte ci si deve correre

Bùta pièena la ciòca mìia
La botte piena non fa rumore

Ròba de premüüra, ròba che và in malùura
Roba fatta in fretta, roba che si rovina presto

Veciulèt e pütelèt, asistèensa e tàant rispèt
Con gli anziani e con i bambini bisogna avere molte attenzioni e tanto rispetto

Sòolt d'entràada, vìta stentàada
Chi vive di rendita ha spesso una vita difficile

Le bèestie le se lìiga cùn la còorda, i òm cùn le paròole
Le bestie si legano con la corda, gli uomini con le parole

La verità, bèla o bröta, la và dìta töta
La verità, bella o brutta che sia, va sempre detta fino in fondo

Bizögna scultàa le do campàane per savìi cùza fàane
Bisogna ascoltare le due campane per decidere cosa fare

Le gràsie i à fa i sàant, e i miràcoi i òm gràant
I santi fanno le grazie, ma i miracoli li fanno i grandi uomini

Mèi invidiàat che cumpasiunàat
Meglio invidiati che compassionati

Salüüt e bèle manéere le cùusta negót
I saluti e la cortesia non costano nulla

Àan chèl che'l cagàava a lét el sìia chèl che 'l fìiva
Anche quello che la faceva a letto sapeva cosa stava facendo

Chèl che và mìia in dèla sóola, el và in dèla tumèera
Quello che non si consuma nella suola, si consuma nella tomaia

Chi tàas dìis negóta
Chi tace non dice nulla

Tàante téeste, tàanti penséer
Tante teste, tante idee

Cùn la pasièensa e la fadìiga, l'elefàant el gh'àa incülàat la furmìiga
Con la pazienza e la fatica l'elefante ha sodomizzato la formica

Chi rìt de venerdé, rìt per trìi dé
Chi ride di venerdì, ride per tre giorni

Andàa cóontra vèent l'è 'n bröt andàa
Andare contro vento è un brutto andare

Mìia sèemper chi vùza püsèe el gh'àa rezòon
Non sempre chi grida di più ha ragione

A scuminciàa e finìighe nisöön vurarès insìighe
A cominciare e finire nessuno vorrebbe esserci

Chi ch'el próao el pèca mìia
Chi prova non fa peccato

Chi gh'è mòort gh'è mòort, e chi vìif el se dà cunfòort
Chi è morto è morto, e chi vive si consola

Chi vóol niente el gh'àa töt
Chi non vuole nulla, ha tutto

Dèl véce l cunsìli, dèl gióoin l'aiöt
Dal vecchio i consigli, dal giovane l'aiuto

El bèen fàt cùn la bùca el cùusta nigùta
Il bene fatto con la bocca non costa nulla

Töti i àn pàsa 'n àn
Tutti gli anni ne passa uno

In tèemp de guèra gh'è püsèe bàle che tèra
In tempo di guerra ci sono più balle che terra

Se ciàpa püsèe prèst en buziàader che 'n sòp
Si raggiunge prima un bugiardo di uno zoppo

Töte le régule le gh'àa la so ecesiòon
Tutte le regole hanno la loro eccezione

La fàm la fa fàa de töt, che öön el sìa bèl o 'l sìa bröt
La fame fa fare di tutto, che uno sia bello oppure brutto

Chi ne manèza ne bramèza
Chi non maneggia non rompe

Mès mandàat l'è mìia aucàat
Il messaggero inviato non è un avvocato

Quàant el pùm l'è madüür bizögna che 'l cróoda
Quando la mela è matura bisogna che cada

El móont l'è na róoda: gh'è chi và in sö e chi và in zó
Il mondo è una ruota: c'è chi sale e chi scende

L'ignuràansa la và a 'l galòp, töti i crèt de savìi tròp
L'ignoranza va al galoppo, tutti credono di sapere troppo

Gh'è püsèe tèemp che vìta
C'è più tempo davanti a sé che vita

Gh'è püsèe föm che ròost
C'è più fumo che arrosto

Sèensa dìi né ài né bài, se cumàanda gnàan i cavài
Senza parlare, non si comandano neanche i cavalli

Chèl che vóol móorer el scàampa cèent àn
Quello che vuole morire campa cent'anni

Ciàpa la gèent per le so vèers e te gh'arèet màai pèers
Prendi la gente per il suo verso, e non avrai mai perso

Chi và adrée à l'àaria che tìira el sbàalia mìia la mìira
Chi segue l'aria che tira, non sbaglia mira

Bizögna lasàa andàa l'àaqua al so muléen
Bisogna lasciare andare l'acqua al suo mulino

Amicìsia ricunciliàada l'è minéestra riscaldàada
Amicizia rifatta è minestra riscaldata

Quàant s'è in bàl bizögna balàa
Quando si è in ballo bisogna ballare

La cùulpa l'è na bèla fióola, ma nisöön la vóol
La colpa è una bella ragazza, ma nessuno la vuole

Ã’ogni üa la dà 'l so véen, ugnöön gh'à 'l so destéen
Ogni uva da il suo vino, ognuno ha il suo destino

Chi và sö, dòpo el và zó
Chi sale, poi scende

Dùu fa öön e öön fa nisöön
Due fanno per uno, e uno fa per nessuno

Fidàase l'è bèen, ma fidàase mìia l'è mèi
Fidarsi è bene, ma non fidarsi è meglio

Chi gh'àa giüdìsi el la dòpra
Chi ha buon senso lo usi

Se 'l bàia fòort, se l'è mìia en lùf l'è 'n càan gròos
Se abbaia forte, se non è un lupo è un cane grosso

Màta el tèemp e màta àanca la gèent
Impazzisce il tempo e impazzisce anche la gente

El móont l'è sèemper més de vèender e més de cumpràa
Il mondo è sempre mezzo da vendere e mezzo da comprare

L'è el maèester che fa la müzica
È il maestro che fa la musica

Quote óc i vàal püsèe de dùu
Quattro occhi valgono più di due

Chi nàs cuzé el móor cuzé
Chi nasce così muore così

Töt el móont l'è paées
Tutto il mondo è paese

À tiràa tròp se róomp
A tirare troppo la corda si rompe

L'èerba che la piàas mìia la vèen sö per dispèt
L'erba che non piace cresce a dispetto

L'èerba catìiva la stufèga in dùa la rìiva
L'erba cattiva soffoca tutto fin dove arriva

À scultàa töta la gèent, se finìs a capìi niente
Ad ascoltare tutti, si finisce per non capire nulla

Cunùser el iéer, l'incóo e 'l duma, l'è ròba de Dìo e mìia d'ì cristiàan
Conoscere ieri, oggi e domani è cosa che può fare Dio, ma non i cristiani

Per nigót móf la cùa gnàan el càan
Per niente non scodinzola neppure il cane

À fàa el pàs lóonch se róomp el cavàl dèle bràaghe
A fare il passo troppo lungo si rompe il cavallo dei calzoni

Pecàat cunfesàat, més perdunàat
Peccato confessato, mezzo perdonato

El véen bòon l'è in dèla bùta pìcula
Il vino migliore è nella botte piccola

Quàant te séet rabiùus l'è difìcil che te ghe vèda ciàar
Quando sei arrabbiato è difficile che tu valuti bene le cose

In àart e in pulìtica, méen se sa e püsèe se crìtica
In arte e in politica, meno si sa e più si critica

Töti i mées se fa la löna, töti i dé se n'impàara quaidöna
Ogni mese arriva la luna nuova, ogni giorno si impara qualcosa

En pùunt in tèemp el na fa risparmia cèent
Un punto dato in tempo ne fa risparmiare cento

À 'ste móont se giöösta töt méen che l'òs dèl còl
A questo mondo tutto si aggiusta, meno che l'osso del collo

Màai lamentàase dèla giurnàada fìna a che l'è mìia finìida
Mai lamentarsi della giornata finché non è finita

L'è mèi 'n andàa che mìla andóm
È meglio un andare che dire mille volte “andiamo”

I guài i è mìia de chi ghe i àa, ma de chèi che se i a tóos
I guai non sono di chi ce li ha, ma di chi se ne prende carico

Dulùur pasàat, dulùur desmetegàat
Dolori passati, dolori dimenticati

De che 'l móont l'è stàt fàt, nisöön sórech l'è sòcio de 'n gàt
Da che il mondo è stato fatto, nessuno topo è amico di un gatto

Töta l'èerba la divèenta fèen, töte le scàarpe le divèenta savàte, töti i òm i divèenta véc
Tutta l'erba diventa fieno, tutte le scarpe diventano ciabatte, tutti gli uomini diventano vecchi

Vàal püsèe en tacógn diferèent che en büüs de vardàaghe dèent
È meglio un rammendo visibile che un buco attraverso il quale si possa guardare

I gióoin i gh'àa la fòorsa ma i véc i gh'àa l'esperièensa
I giovani hanno la forza ma i vecchi hanno l'esperienza

Se te piàs la róoza te gh'èet de spunzìite
Se ti piace la rosa devi pungerti

Pàan südàat, mèi güstàat
Pane sudato, meglio gustato

Se póol rimediàa a chèl che se fa, ma mìia a chèl che se dìis
Si può rimediare a quello che si fa, ma non a quello che si dice

Gh'è mìia 'n amìich perfèt, se 'l gh'àa mìia en quàal difèt
Non esiste un amico perfetto se non ha qualche difetto

Incóo màa, duma bèen, ciàpa el móont tàma el vèen
Oggi male, domani bene, prendi il mondo come viene

El pàs el và fàt a secóonda dèla gàamba
Il passo va fatto secondo la lunghezza della gamba

Fàa e desfàa l'è töt en lauràa
Fare e disfare è comunque un lavoro

Se pàarla dèl diàaol e sàalta fóora le còorna
Si parla del diavolo e spuntano le corna

I prüèerbi i sbàalia màai
I proverbi non sbagliano mai

Strabücàa el véen l'è sègn de alegrìa
Rovesciare il vino a tavola è presagio di buone notizie

L'è mèi tacàa lìite cùn en müül che vìighe 'n amìich che te la mèt in dèl cüül
È meglio attaccar briga con un mulo che avere un amico che ti vuole fregare

L'àn dèl dùu, el mées dèl màai
L'anno del due, il mese del mai

Pàarla màai màal de tóo muiéer, e spéta màai dèl bèen de chèi dèl tóo mestéer
Non parlare mai male di tua moglie, e non aspettarti mai nessun aiuto dai tuoi colleghi

Greca Proverbio OSTERIADETTI POPOLARIGreca Proverbio OSTERIA

Contatti osteria degli amici Menu alla Carta
Menu di Stagione osteria Preventivi osteria degli amici

Marchio Logo Osteria

Osteria Degli Amici

Via Maggiore, 18 - 26025

Gradella di Pandino (CR)

Tel. 0373.90163

info@osteriadegliamici.com

Orari di Apertura

Lunedì / Martedì / Mercoledì / Giovedì

11.30 / 15.00 - 18.00 / 24.00

Venerdì / Sabato

11.30 / 15.00 - 18.00 / 01.00

Domenica

10.30 / 24.00

 

Orari di Apertura

Lunedì / Martedì / Mercoledì / Giovedì

11.30 / 15.00 - 18.00 / 24.00

Venerdì / Sabato

11.30 / 15.00 - 18.00 / 01.00

Domenica

10.30 / 24.00

facebook osteria degli amici youtube osteria degli amici twitter osteria degli amici mybusiness osteria degli amici
© 2020 Osteria Degli Amici | Via Maggiore, 18 - 26025 Gradella di Pandino (CR) | Tel. 0373.90163 | info@osteriadegliamici.com

 

Bollo Ristorante mobiletesto RISTORANTE osteria

Bollo Griglieria mobileGRIGLIERIA

Bollo PaninotecaPANINOTECA

Bollo Birreria mobilescritta BIRRERIA osteria

Stemma gradella osteria

 

facebook osteria degli amici youtube osteria degli amici twitter osteria degli amici mybusiness osteria degli amici